un progetto di
Dalia Gallico

Giappone

Potere e splendore 1568 - 1868

Giappone

Potere e splendore 1568 - 1868

dal 7 Dicembre 2009 al 8 Marzo 2010

dal 7 Dicembre 2009 al 8 Marzo 2010

PALAZZO REALE - Piazza Duomo, 12 - 20122 Milano

Descrizione

Intervengono: Massimiliano Finazzer Flory, assessore alla Cultura del Comune di Milano; Hiroshi Azuma, console generale del Giappone a Milano; Salvatore Carrubba, presidente 24 ORE Motta Cultura; Gian Carlo Calza, curatore della mostra; Hiroyuki Shimatani, direttore del Tokyo National Museum; Roberto Peregalli e Laura Rimini, curatori del progetto di allestimento.
Moderatore: Domenico Piraina, responsabile coordinamento e gestione mostre di Palazzo Reale.
Milano, dicembre 2009: La mostra, promossa dal Comune di Milano – Cultura, con il patrocinio del Ministero degli Esteri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Consolato Generale del Giappone a Milano, ha il privilegio di promuovere una preziosa collaborazione tra i più prestigiosi musei giapponesi - come il Tokyo National Museum, il Kyoto National Museum, l’Osaka Municipal Museum of Art - e Palazzo Reale.
«Ospitare a Milano questa importante iniziativa» scrive Massimiliano Finazzer Flory nell’apertura del catalogo «significa promuovere e consolidare ancora con maggiore forza le relazioni d’amicizia con il Giappone che durante tutto quest’anno è stato per la nostra città “all’onore”, con una serie di eventi, mostre, incontri, conferenze, concerti, proiezioni cinematografiche. Per vivere, in un clima di approfondimento etico, la seducente esperienza del confronto fra le culture».
«Oggi, con Giappone. Potere e Splendore 1568-1868» spiega Gian Carlo Calza nel testo “Perché questa mostra?” «si mira a fornire strumenti visivi per illustrare l’impressionante trasformazione moderna del paese ancor prima della sua apertura all’Occidente.
L’economia e la società nipponica che tanto ci affascinano hanno radici profonde nella crisi del sistema feudale, nello sviluppo della cultura cittadina e della classe imprenditoriale e mercantile come avvenne anche da noi. Le varie sezioni della mostra, con oltre duecento tesori d’arte interamente provenienti dal Giappone, dai suoi grandi musei e fondazioni come da alcune generose collezioni private, illustrano e illuminano con molte opere mai viste prima in Europa questa trasformazione culturale e sociale con la sua raffinatezza e ricchezza».
Sei sono i percorsi tematici (Natura, Potere, Occidente, Città, Arti Decorative e Tradizione) con oltre 200 opere – alcune ruoteranno per motivi di conservazione -, un Tesoro Nazionale e Proprietà Culturali in un allestimento, curato dagli architetti Peregalli e Rimini, che ricostruisce l’atmosfera delle sale giapponesi antiche dei palazzi e dei templi, mantenendone anche la scelta dei materiali (legno, vetro, carta, stoffa, paglia).
... continua a leggere

Gallery

Le immagini più rappresentative dell'esposizione