un progetto di
Dalia Gallico

Kandinsky e l'astrattismo in Italia

1930-1950

Kandinsky e l'astrattismo in Italia

1930-1950

dal 10 marzo al 24 giugno 2007

dal 10 marzo al 24 giugno 2007

PALAZZO REALE - Piazza Duomo, 12 - 20122 Milano

Descrizione

KANDINSKY - e l'astrattismo in Italia 1930-1950 Milano ospita una grande mostra che rappresenta anche una novità: per la prima volta i capolavori di Kandinsky, prodotti nel periodo della sua piena maturità artistica, vengono messi in relazione con l’arte astratta degli anni Trenta e Cinquanta in Italia, un’arte che da lui ha tratto ispirazioni illuminanti. A Milano, nella Galleria del Milione, si sono tenute nel 1934 sia la prima personale di Kandinsky in Italia, sia la prima mostra dell’astrattismo italiano. Sempre a Milano nel 1947 - proprio nelle sale di Palazzo Reale - si è svolta la prima grande mostra di arte astratta in Europa, un evento che stimolò il dibattito sull’astrattismo, rivelando al pubblico molte opere di artisti internazionali, tra cui lo stesso Kandinsky. Riproporre criticamente il fervore di questi anni significa testimoniare lo storico ruolo della nostra città come protagonista nella vita italiana e, inoltre, l’attualità di una Milano dinamica e vivace, che vive una fase di Rinascimento culturale e si è candidata all'Esposizione Universale del 2015. La mostra è organizzata dal Comune di Milano in collaborazione con la Fondazione Mazzotta, che negli ultimi vent’anni ha portato a Milano e in altre città italiane le retrospettive che hanno fatto conoscere Kandinsky a un vasto pubblico. Questa iniziativa, insieme a quella dedicata dalla Fondazione Mazzotta a Paul Klee, rappresenta uno dei maggiori avvenimenti culturali degli ultimi anni e dimostra che la collaborazione tra istituzioni pubbliche e private è uno strumento fondamentale di innovazione e internazionalizzazione. ... continua a leggere

Gallery

Le immagini più rappresentative dell'esposizione