un progetto di
Dalia Gallico

Un'immagine dell'Italia

Resistenza e ricostruzione

Un'immagine dell'Italia

Resistenza e ricostruzione

dal 25 aprile al 5 giugno 2005

dal 25 aprile al 5 giugno 2005

PALAZZO DELL'ARENGARIO - Piazza Duomo - 20122 Milano

Descrizione

I settantatre pannelli che raccontano la resistenza e gl'inizi della ricostruzione, rivolgendosi in francese a un pubblico transalpino ed europeo, da poco sono riemersi dai depositi dell'Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, Essi ci hanno restituito il risultato, ancor oggi toccante ed efficace, del lavoro compiuto dai Comitati di liberazione nazionale per far conoscere il contributo che gl' italiani avevano dato alla riconquista della propria libertà, pagando alti prezzi, e ponendo le basi di una nuova democrazia nel contesto europeo e mondiale. I curatori di questo catalogo seguono il cammino delle mostre attraverso le quali: da Torino a Milano, poi a Genova e in ogni parte del paese, e successivamente in diverse città europee (basti ricordare Parigi e Zurigo), il patrimonio d'immagini e d'informazioni sulla resistenza italiana si andò affinando e arricchendo, per raggiungere un pubblico che dei movimenti cospirativi aveva potuto conoscere solo frammentarie informazioni trasmesse dalle radio italiane e alleate, o diffuse attraverso la stampa clandestina, Passando le frontiere, le mostre affrontavano un compito che sembrava soverchio: creare un'aura di simpatia per evitare che i trattati di pace colpissero interessi essenziali dell'Italia, Una simpatia di cui dovevano anche e soprattutto beneficiare le comunità emigrate, All'infuori della lontana Argentina, la Francia ~ il Belgio restavano infatti il principale sbocco occupazionale per ancora oggi è rimasto un riferimento per la nostra rappresentazione di quelle pagine di storia, I numerosi creatore; dei quali il lettore troverà qui i nomi; avevano partecipato alla guerra di liberazione, avevano sofferto lutti, deportazione, persecuzione razziale e politica, ma il loro messaggio era nell'insieme ottimista e volto al futuro, La stessa struttura espositiva creata a Milano con l'assemblaggio di tubi d'acciaio, che colpisce ora per la sua precorritrice eleganza, evocava l'operosità delle fabbriche e dei cantieri della ricostruzione, Nei decenni successivi l'Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, intitolato a Ferruccio Parri che, come Presidente del Consiglio dopo la liberazione, fu tra i principali sostenitori delle mostre, si sarebbe posto il compito, con i numerosissimi istituti ad esso associati, di ricostruire minuziosamente, analiticamente, una storia che fondasse sulla consapevolezza e non sulle emozioni il ricordo della rz'nascente democrazia italiana, Ma il cospicuo nucleo di verità che i primi autori delle mostre colsero, connettendo il passato recente alle prospettive di una repubblica più libera e più giusta, rimane un riferimento ineludibile, e per questo la mostra, dopo parziali esposizioni a Torino, a Prato, a Berlino, viene ora proposta per la prima volta integralmente al pubblico, nel sessantesimo anniversario della Liberazione. Gianni Perona Direttore scientifico dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia ... continua a leggere

Gallery

Le immagini più rappresentative dell'esposizione

Curatori

Mostra a cura di
Adolfo Mignemi - Gabriella Solaro - Anna Steiner
Comitato Scientifico
Ersilia Alessandrone Perona - Luciano Boccalatte - Carlo Boccazzi Varotto - Uca Covo Steiner - Claudio Della valle - Adolfo Mignemi - Gerardo Padulo - Gianni Rigo - Gabriella Solaro - Gianfranco Torri
Segreteria Organizzativa e Ufficio Stampa
Cristina Bava - Igor Pizzirusso
Allestimento e Grafica della mostra
Studio Orlgoni Steiner Si ringrazia lo studio Achilli e Ghizzardi, Milano, per la concessione del progetto strutturale

Realizzazione materiali informatici e multimediali
Carlo Pischedda - Gianni Rigo
Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della società Rimati
Istituto Luce - Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza - Villi Hermann - Testimonianza di Uca Covo - Steiner ripresa da Franco Amato (VCO Azzurra Tv)
Restauro
Studio Furlotti Milano

Promotori

Comune di Milano
Sindaco - Grabiele Albertini
Assessore Cultura e Musei - Stefano Zecchi
Responsabile scientifico per l'attività espositiva di Palazzo Reale - Flavio Caroli
Direttore Centrale - Alessandra Mottola Molfino
Direttore del Settore - Rossana Ferro
Ufficio Stampa - Maria Grazia Vernuccio

Palazzo Reale
Dirigente - Sandrino Schiffini
Responsabile Servizio Mostre - Domenico Piraina
Segreteria organizzativa - Giuliana Allievi - Cristina Andana - Antonella Cantatore - Patrizia Evangelista - Mariella Gemelli - Patrizia Lombardo - Giulia Sonnante - Loredana Vigna
Assistenza tecnica - Andrea La Boccetta - Luciano Madeo - Saverio Russo
Custodia - Corpo di Guardia di Palazzo Reale

Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia
Presidente - Oscar Luigi Scalfaro
Presidente onoraria - Tina Anselmi
Vicepresidente - Claudio Dellavalle
Direttore generale - Gianfranco Maris
Direttore scientifico - Gianni Perona
Consiglio di Amministrazione - Paola Crucci - Aurora del Monaco - Annabella Gioia - Giuseppe Masetti - Alberto Preti - Raimondo Ricci - Luciana Rocchi
Comitato scientifico - Michele Battini - Lorenzo Bertucelli - Enzo Collotti - Guido d'Agostino - Alberto de Bernardi - Giovanni De Luna - Mimmo Franzinelli - Antonio Gibelli - Lutz Klinkhammer - Laurana Laiolo - Raoul Pupo - Ivano Tognarini